Archive for fiducia

mar
16

19 Marzo

Posted by: | Comments (1)

E’ il dipinto di Van Gogh intitolato “Primi passi
Lo trovo particolarmente espressivo della modalità delle due figure genitoriali.

La mamma protettiva, china sul figlio, forse troppo concentrata su di lui …
Il papà pronto ad accogliere lasciando che sia il figlio a impegnarsi nel percorso…
La mamma è protesa a “far star bene” il figlio, il papà lo sospinge ad “essere capace”

Caro papà!
Tuo figlio, per crescere, ha bisogno da te questo atteggiamento: pronto a ricevere, proteso ad accogliere , senza facilitare il percorso… senza sostituirti!
“Ci sono… Vieni! … Ti aspetto…Coraggio!…”
Così, si diventa significativi per i figli.
Non dimenticarlo.

Te lo auguro con tutto il cuore.
Maria Grazia Trovati -A.Ge (Associazione Genitori) – I.R.S.E.F (Istituto di Ricerche e Studi sull’Educazione e la Famiglia)

Mi associo agli auguri di Maria Grazia e invito tutte le donne, mogli e madri ad inoltrare il messaggio a tutti i Papà che conoscono….

Grazie

Sonia Maggy

mar
10

Gruppi di Crescita

Posted by: | Comments (0)

 

La CoCreationProEvolution quest’anno propone un grande ed ambizioso PROGETTO di CRESCITA per ognuno di noi.

Leggi attentamente e segna nella tua agenda i luoghi, le date e gli orari in cui si svolgono questi interessanti incontri. Teniamo a sottolineare che si tratta di un solo incontro al mese da Aprile a Dicembre 2012 escluso il periodo estivo (luglio e agosto). Credo che, dedicare totalmente a te stesso due ore al mese del tuo tempo, sia il minimo che tu possa fare per farti un meritato regalo, oltre ad incontrare altre anime che, come te, hanno a cuore il proprio benessere – equilibrio – serenità e miglioramento e che ritengono preziosa la condivisione di pensieri, esperienze ed emozioni.

Di seguito trovi alcune tematiche che la CoCreationProEvolution ti propone ma nel caso in cui il gruppo avesse il desiderio di approfondire un argomento in particolare può segnalarlo in modo tale da andare incontro a quelli che sono i bisogni del gruppo stesso che si va formando. Chi avesse necessità, durante il percorso,  di affrontare una problematica specifica in privato, oltre il lavoro di gruppo, può richiedere degli incontri individuali ai relatori che per empatia, affinità e competenza, si ritiene possano offrire un contributo efficace alla risoluzione  e/o eliminazione del problema stesso.

Vogliamo essere Vittime o Creatori di questo mondo? La domanda sarebbe giusta se potessimo scegliere ma, in verità, è che manca solo la consapevolezza che siamo noi i Creatori delle nostre esperienze, nè vittime nè altro.. anche se le nostre abitudini, l’educazione acquisita, la cultura e l’ambiente in cui viviamo e abbiamo vissuto ci fa scattare il meccanismo automatico dell’essere vittima. Vediamo di capire insieme, in che modo creiamo le nostre esperienze, quali sono le percezioni e come possiamo modificarle in vista di un obiettivo comune: VIVERE UN’ESISTENZA di serenità, amorevolezza,equilibrio, centratura, solidarietà…in altre parole ESSERE FELICI. Per questo crediamo fortemente che la condivisione ci faccia crescere e ci aiuti a percepire che ognuno di noi può dare e ricevere molto, può essere ora protagonista, ora spettatore di ciò che accade e di ciò che via via va trasformandosi da esperienza di sofferenza ad esperienza di gioia.

Proponiamo l’esperienza di Crescita in Gruppo anche ai nostri ragazzi adolescenti che, in questo tempo, si sentono allo sbaraglio, con pochi punti di riferimento. Lobiettivo principale che ci proponiamo per i ragazzi che partecipano ai nostri gruppi è

> di ritrovare se stessi. Sappiamo quanto il sentirsi parte di un gruppo sia importante in adolescenza; un gruppo che permetta loro di potersi esprimere senza sentirsi giudicati, un gruppo che garantisca loro la massima protezione e rispetto per la sensibilità, la personalità, l’unicità di ognuno di essi che diventa il rispetto del gruppo stesso. Questo è un potente elemento di distinzione dai gruppi di massa in cui regna l’appartenenza o l’esclusione. Nessuno ha il diritto di escludere altri perchè ogni altro è una parte di noi e come tale va accettata e semmai educata al miglioramento.

> di essere ascoltati. Vorremmo trasmettere ai giovani quanto sia importante quello che essi provano, sentono; quanto quello che hanno da comunicarci renda tutti più consapevoli del valore di ognuno (giovani o meno). Vorremmo far scoprire loro quali strumenti hanno a disposizione per esprimersi, per diffondere la loro voce, i loro pensieri, sogni e desideri.

> acquisire migliori abilità di comunicazione. Vorremmo aiutarli a comunicare meglio sia tra loro che negli ambienti in cui fanno esperienza di vita (famiglia, scuola, amicizie..)

> comprendere il valore della responsabilità. Ci piace pensare che attraverso questi gruppi di crescita vi sia un divertente impegno e responsabilità dei componenti verso se stessi ed il gruppo, elementi fondamentali per costruire ogni cosa ed in prima linea la formazione di “Se Stessi” e delle proprie esperienze di crescita attraverso l’acquisizione di strumenti che consentano loro di percepire il loro vero valore e la propria responsabilità in ogni esperienza di vita ed interiore.

Ci potremmo avvalere di mezzi che come la musica, le immagini e l’esperienza diretta di persone che in situazioni di difficoltà apparente hanno saputo andare oltre e tirar fuori tutte le proprie potenzialità, affinando l’uso di armi nascoste e sin prima sconosciute. Potremmo proporre ad alcuni dei partecipanti di sperimentare in prima persona situazioni che consentano loro di superare alcune barriere, alcune paure o convinzioni limitanti. E’ importante ridare ai nostri ragazzi ciò che già gli appartiene e che per svariati motivi spesso viene tolto inconsapevolmente come l’autostima, la fiducia in se stessi e nei propri sogni e abilità, il potere di autoguarigione psicofisica.

Nei nostri gruppi si alternano momenti di dialogo a momenti esperienziali in cui ogni partecipante può interiorizzare quanto ha compreso concettualmente. La sola comprensione concettuale sarebbe limitativa in quanto non consentirebbe di ripetere, nella propria vita quotidiana, quanto è stato trasmesso in gruppo. La sperimentazione di esempi e di situazioni che rendano chiaramente l’idea di quanto espresso in dialogo è l’interiorizzazione dell’esperienza stessa che permette in seguito di essere rivissuta anche al di fuori del gruppo.

Questi sono principalmente gli obiettivi che consideriamo fondamentali e che proponiamo ai partecipanti dei nostri gruppi.

Ora non ti resta che prender nota di date e luoghi, come vedi puoi scegliere, sulla base dei tuoi impegni e della comodità, quando e dove parteciparvi tra Noale e Massanzago. Ringraziamo ancora questi comuni che da due anni ci ospitano e che hanno la massima fiducia sui nostri intenti e sul nostro operato. Come abbiamo già detto l’impegno, in termini di tempo, è solo quello di un incontro al mese, questo per consentire a tutti i partecipanti di vivere nella maniera più leggera possibile un’esperienza impegnativa e per dar modo di sperimentare nell’arco del mese quanto si acquisisce nel gruppo e dal gruppo.

Non mancheremo di presentare questo progetto in occasione dell’evento iniziatico e di apertura del percorso di miglioramento personale aperto a tutti :

“Change your Life”

ATTENZIONE: Scarica qui il Free Pass To Change Your Life 

ed invialo a co.pro@ilfilodimaggy.it 

Per informazioni sul seminario apri il link

Il FREE PASS ti permette di garantirti la partecipazione

all’evento completamente gratuita.

Che aspetti?

A chi si rivolge “Change your life” ed il PROGETTO dei Gruppi di Crescita?

Sai, dalla mia esperienza di questi ultimi anni di condivisione in gruppo di percorsi di vario genere sulla crescita personale e sul benessere di corpo mente e spirito, ho notato che chi decide di lavorare su di se per un’esistenza migliore e perchè no, più felice, non è necessariamente chi ha grossi problemi ma anzi, chi consapevolizza che mettersi in discussione è fondamentale per affrontare al meglio le sfide di ogni giorno e questi gruppi stimolano molto all’apertura di cuore, mente e spirito; è partendo dall’apertura che possiamo ricavare ottimi benefici in ogni ambito della nostra vita, nelle relazioni, in famiglia, nella professione, a scuola e così via…

Non serve essere disperati per sentire l’esigenza di migliorare la propria persona e la propria esistenza, anzi…. più percorri questa strada e più ne sei grato e ti rendi conto di quanto ti dà.. Il nostro consiglio è proprio quello di non aspettare di arrivare a sentirti disperato per lavorare su di te, per migliorare te stesso. In quella condizione si rischia di prendere dei grossi abbagli, si rischia di rivolgersi a persone o entità che creano dipendenza, che sfruttano la condizione di disagio e di sofferenza delle persone. Il valore della libertà nessuno ce lo può togliere se non noi stessi nella condizione di disperazione. Impariamo a rispettarci e a volerci bene; l’equilibrio e la serenità che troviamo in noi stessi ci rende liberi da qualsiasi forma di manipolazione e di dipendenza. Sei d’accordo?

Sono grata a tutti gli amici che ho incontrato durante questi anni di cammino di crescita condiviso in gruppo, abbiamo potuto godere dell’energia di tutti facendoci crescere concretamente e non finisce qui…. c’è ancora molto su cui lavorare.

Non esiste investimento migliore che su noi stessi..

Sono sicura che sai cogliere al volo le grandi opportunità!

per qualsiasi informazione scrivi a co.pro@ilfilodimaggy.it o chiama allo +39 3407969041 puoi parlare con me anche via skype all’indirizzo che ti invierò alla tua richiesta mail.

A prestissimo…

Sonia Maggy

nov
27

La Vita

Posted by: | Comments (0)

“Com’è imbarazzante aver voluto imporre a qualcuno i miei desideri, pur sapendo che i tempi non erano maturi e la persona non era pronta, anche se quella persona ero io. Oggi so che questo si chiama “rispetto“.

Quando ho cominciato ad amarmi davvero, ho smesso di desiderare un’altra vita e mi sono accorto che tutto ciò che mi circonda è un invito a crescere. Oggi so che questo si chiama “maturità“…

Quando ho cominciato ad amarmi davvero, ho capito di trovarmi sempre ed in ogni occasione al posto giusto nel momento giusto e che tutto quello che succede va bene. Da allora ho potuto stare tranquillo. Oggi so che questo si chiama “stare in pace con se stessi“.

Quando ho cominciato ad amarmi davvero, ho smesso di privarmi del mio tempo libero e di concepire progetti grandiosi per il futuro. Oggi faccio solo ciò che mi procura gioia e divertimento, ciò che amo e che mi fa ridere, a modo mio e con i miei ritmi. Oggi so che questo si chiama “sincerità“.

Quando ho cominciato ad amarmi davvero, mi sono liberato di tutto ciò che non mi faceva del bene: persone, cose, situazioni e tutto ciò che mi tirava verso il basso allontanandomi da me stesso… all’inizio lo chiamavo “sano egoismo“… ma oggi so che questo è “amore di sé“.

Quando ho cominciato ad amarmi davvero, ho smesso di voler avere sempre ragione. E così ho commesso meno errori. Oggi mi sono reso conto che questo si chiama “semplicità“.

Quando ho cominciato ad amarmi davvero, mi sono rifiutato di vivere nel passato e di preoccuparmi del mio futuro. Ora vivo di più nel momento presente, in cui tutto ha un luogo. È la mia condizione di vita quotidiana e la chiamo “perfezione“.

Quando ho cominciato ad amarmi davvero, mi sono reso conto che il mio pensiero può rendermi miserabile e malato. Ma quando ho chiamato a raccolta le energie del mio cuore, l’intelletto è diventato un compagno importante. Oggi a questa unione do il nome di “saggezza interiore“. Non dobbiamo continuare a temere i contrasti, i conflitti e i problemi con noi stessi e con gli altri perché perfino le stelle, a volte, si scontrano fra loro dando origine a nuovi mondi. Oggi so che tutto questo è “la vita”.

 Charlie Chaplin

Il Libro della Saggezza Interiore
99 Storie intorno all’uomo

set
25

Educando

Posted by: | Comments (0)

“EDUCANDO”

Genitori in divenire

Corso Patrocinato dal Comune di Noale VE

Spesso la parola educazione esprime un senso generico, colmo di idee o buoni consigli formati attraverso l’esperienza diretta. E in molte occasioni questo bagaglio non è sufficiente ad affrontare le fasi delicate di crescita dei figli; ci si trova allora di fronte a situazioni e problemi che appaiono insolubili. L’incontro intende presentare un metodo che, attraverso le pratiche educative del rispetto, dell’ascolto, della collaborazione nella soluzione di conflitti e problemi, consenta alla famiglia di divenire un creativo spazio basato sul profondo rispetto dell’essere umano e delle sue capacità di autorealizzazione. Essere “Genitore in divenire” vuol dire anche acquisire tecniche e modalità relazionali tali da garantire la crescita dell’autonomia dei figli, dotando ciascuno di strumenti pratici e concreti per affrontare il compito più difficile della vita: accompagnare l’altro a divenire un essere completo, autonomo e pienamente capace di affrontare la vita.

Obiettivi:
Prevenire situazioni di disagio psicologico in famiglia, saper riconoscere i segnali del disagio in famiglia, aiutare i figli ad avere una percezione positiva di sé, fornire strumenti operativi per realizzare interventi di educazione all’ascolto in famiglia.

Argomenti:

•    Come riconoscere le proprie risorse e riuscire ad attivarle quando lo si desidera
•    Come prendere consapevolezza delle proprie emozioni
•    Come imparare a dare e a ricevere nella relazione con l’altro
•    Come creare un clima di fiducia all’interno di uno spazio condiviso
•    Come facilitare l’ascolto di se stessi e dell’altro

Metodologie e strumenti didattici:

Il modello teorico di riferimento è quello del counseling umanistico integrato che ricompone gli apporti fondamentali degli approcci umanistico esistenziali: l’approccio centrato sul cliente di Carl Rogers, l’approccio della Gestalt e le acquisizioni maturate nell’ambito della psicologia della comunicazione.
•    L’ascolto attivo messaggio – Io
•    La risoluzione dei conflitti con il metodo del problem solving
•    Le simulazioni per migliorare le abilità comunicative

Relatrici: Antonietta Verduci - Counselor Professionista e Dr.ssa Michela  Cestarollo Formatore

Il Corso è strutturato in un Modulo di 12 ore in totale, articolato in 6 incontri di sera della durata di 2 ore ciascuno, dalle 20.30 alle 22.30, che si svolgeranno  tra Novembre e Dicembre 2011

Le date stabilite per i 6 incontri sono:

11 – 18 e 24 Novembre 2011

2 – 15 e 22 Dicembre 2011

dalle 20,30 alle 22,30

Dove:

NOALE – VENEZIA

 Sala Consiliare – presso il Palazzo della Loggia – Centro Storico


Per informazioni e iscrizioni rivolgersi ai recapiti dell’Associazione +39 0495720374  +39 3407969041 mail: co.pro@ilfilodimaggy.it

Ora siamo anche su