Archive for pensiero

apr
02

LA Mente Quieta

Posted by: | Comments (3)

quieta-mentale1 LA MENTE QUIETA

È UNA SORGENTE DI SOLUZIONI

Per aumentare la qualità della risoluzione dei problemi è importante che la mente non rimugini sui loro come e perché e sulle risoluzioni che crede siano le migliori, ma è bene che si quieti per farsi trovare dalle risposte essenziali. Cercare di comprendere per forza i (presunti) perché, le (presunte) conseguenze, le (presunte) cause… può facilmente essere un modo della mente:

- di turbarsi e ostacolare l’emersione di risposte qualitative;

- di opporsi alla maturazione della consapevolezza,

- di aggrovigliarsi e perdersi nei meandri del concettualizzare non consapevole, alla ricerca di fuorvianti risposte dualistiche, mentre quelle fondamentali non lo sono. Cercando risposte in modo poco consapevole la mente induce anche la formazione di risposte poco veritiere condizionate da forme pensiero ed emozione limitanti e devianti;

- di sforzarsi per mantenere il controllo che immagina di avere e questo è una prova della sua  incapacità di abbandonarsi alla Reale Identità ed è un ostacolo per la risoluzione  dei problemi;

- di star trovando le vere ragioni, mentre sta soltanto girando attorno ai propri abbagli, fuorviata dal tentare di definire la causa di ciò che è:

o        senza una ragione precisa, nel senso che è una conseguenza di processi onnicomprensivi – tutti i processi influiscono in una certa misura su tutti i processi;

o        fondamentalmente senza ragione perché avviene come conseguenza delle cause effettive che essendo sul piano della Coscienza sono “di là” di ogni ragione, la quale è relativa all’intelletto e in senso più ampio alla mente. In base al sapere con cui è programmato l’intelletto, la mente  può definire una miriade di ragioni (cause) e molteplici possibili conseguenze. Queste definizioni e conclusioni possono essere più o meno qualitative, ma non possono in alcun modo cogliere veramente nel segno. Nell’ambito della Coscienza  non ci sono né pensieri, né avvenimenti, né emozioni, né immagini, né tempo, né spazio, né alcuna ragione (definibile intellettualmente), ma ci sono processi di là della comprensione. Le cause effettive sono sempre incomprensibili.

Quando passeremo oltre la comprensione, avremo la Conoscenza. La ragione fu l’aiuto, la ragione è l’ostacolo.

Sri Aurobindo

Le risposte qualitative ed essenziali emergono con il quietarsi della mente. Divenire veramente significa sostanzialmente il quietarsi della mente, non il suo turbarsi con analisi nocive che spesso diventano analisi dell’analisi dell’analisi dell’analisi…

Non falcidiarti l’intelletto con domande sul come e sul perché!

Cogli semplicemente la pienezza dell’attimo che è.

Vivilo pienamente.  Essendo l’attimo stesso, sino al trascendimento del tempo.

Domanda forse banale ma sicuramente molto indicante: Per fare l’acquisto migliore, è più saggio paragonare i prezzi di mille negozi, oppure venire a sapere direttamente qual è il negozio ottimale per l’acquisto?!

Trasforma la ragione in un’intuizione ordinata; che tutto in te sia luce. Questa è la tua meta.

Sri Aurobindo

Fonte: www.andreapangos.it/aiutare_il_prossimo_e_se_stessi_e_il_mondo.html

bi

Corso di Andrea Pangos:

Trasformare il rancore in Perdono e i sensi di colpa in Amore

Comments (3)

fraseiniziale

Crescita Personale – I tuoi Articoli su http://ilfilodimaggy.it

Quest’anno Ti voglio dare la possibilità di inserire i tuoi Articoli/Pensieri/Eventi/Riflessioni/Poesie su questo blog; con il tuo nome, una tua breve biografia e, se ce l’hai,  il link al tuo sito.

Come avrai capito, scrivendo un articolo su http://ilfilodimaggy.it avrai un link verso il tuo sito e tanta visibilità!

Sei libero di scrivere il tuo articolo dove vorrai, ti consiglio solamente di modificare un po’ l’articolo in modo che nessuno dei siti che lo ospitano sia penalizzato dai motori di ricerca.

scambio-link1Se hai un sito/blog, Ti chiedo solo un link sul tuo sito/blog verso http://ilfilodimaggy.it. Se non possiedi alcun sito pubblicherò comunque i tuoi articoli.

Per essere pubblicato l’articolo deve essere inerente agli argomenti trattati  (controlla le categorie dei miei Articoli) ed essere un articolo formativo! Gli articoli che sono annunci pubblicitari o solo pubblicità saranno respinti.

Questa iniziativa ci permette uno scambio di idee ed informazioni.

Ti ricordo inoltre che non è necessario che tu sia un Maestro o un Guru per condividere con noi i tuoi pensieri, le tue riflessioni o qualunque materiale tu abbia a disposizione per la crescita personale di tutti coloro che leggono.

Aspetto dunque tutti gli articoli che vorrai inviare al mio indirizzo email sg.maggy@gmail.com

Ti ringrazio per la condivisione!

110_f_6190107_gzzh2w8so9ihaxy2vdtz7ysoco20t1305

Maggy

 

 

Comments (6)
dic
02

Il Malato Immaginario: Chi è Gabriella?

Posted by: | Comments (2)

mereu3

Intervista a Gabriella Mereu


Sonmereu2o medico, laureata in medicina e chirurgia, odontoiatra, omeopata e anche grafologa ed ho fatto una ricerca per 20 anni che mi ha portato a capire che il paziente semplicemente si cura da solo.

Benissimo, abbiamo capito che siamo davanti ad un medico ufficiale, anche se ufficiale non è il termine più appropriato, omeopata nonché grafologa.
So che hai scritto un libro, che ho trovato molto interessante, la “terapia verbale” ovvero la medicina della consapevolezza, ci puoi spiegare cos’è la terapia verbale?

La terapia verbale è una terapia omeopatica, verbale, che cura il male con lo stesso male: cioè il paziente quando esprime la sua malattia usa inconsciamente un linguaggio poetico e metaforico collettivo che io chiamo ‘pazientese” che si compone di proverbi, modi di dire, filastrocche etc..
Una volta che ho capito cosa mi vuol dire, rispondo con una battuta che abbia un alto contenuto emozionale, in cui spiego il motivo della sua malattia e il paziente ha una reazione: se ride, piange, entra in trance o si arrabbia significa che è quasi sempre guarito dal sintomo.

Quindi tu definisci questo come omeopatia verbale.. Sappiamo che l’omeopatia esiste da tanti anni e usa curare le malattie con il simile… sbaglio?
Quindi secondo te si può capire la malattia di una persona da come si esprime…

Esatto, a me non interessano analisi o altro, solo il modo di esprimersi delle persone aiuta la mia terapia, che non c’entra niente con la scienza… è solamente arte.

Tu affermi nel tuo libro che la vita è una commedia e la malattia è una metafora che le persone usano per manifestare il proprio disagio… ma questa metafora, serve a nascondere il disagio o a manifestarlo?
La malattia arriva da una bugia passiva, è data da uno schema che costringe l’anima. Cioè nasce un conflitto di pensiero con la propria anima. Può essere stato inculcato da qualcuno anche nella notte dei tempi o essere già nel DNA, ma l’anima non può essere presa in giro e lo rifiuta, così si manifesta la malattia.

Malattia come disagio dell’anima quindi?
Esatto

Cosa mi dici riguardo al condizionamento che le religioni esercitano sulle masse?
La religione è stata inventata per dividere le masse, sono manovre politiche usate soprattutto per dividere i sessi. A causa di tutte le religioni c’è la donna sessuale o la donna vergine, questo è il motivo principale delle discordanze fra i sessi, dalla pornografia alla masturbazione, che cementa le perversioni.

Quindi tutto nasce dalla divisione? Effettivamente la religione da 2.000 anni divide il femminile dal maschile..
Esatto con la divisione cresce il potere, la divisione crea lo schiavo e il tiranno, non c’è mai amore.
La nostra anima non cerca questo, cerca solo Amore. La malattia è il risultato.

Di tiranni ognuno di noi ne ha qualcuno nella propria vita, dal datore di lavoro al compagno…
Il tiranno è quindi chiunque voglia esercitare del potere su di te?

Sì, può essere il marito, o la moglie..

Sulla tua lunga esperienza nel campo, quanti problemi di condizionamento dell’anima arrivano dalla castrazione che deriva dalla religione?
Tutte. Ci sono in tutti i casi manipolazioni del sesso e quindi castrazioni. Le persone così sono malate dentro, e non lo sanno, fino a che la malattia non si manifesta.

Come si può uscire da queste castrazioni?
Prendendo coscienza, cambiando i sistemi.

mereu1Hai mai avuto problemi con gli amici o colleghi della tua città per le idee che stai portando avanti?
Sì, con tutti.

Sei stata messa da parte? Perché loro sono all’interno di un sistema?
Perché la verità è indecente e pericolosa. In maniera molto semplice.

Inoltre la verità che sveli sarebbe alla portata di tutti e molto economica…
Esatto, possono farlo tutti coloro che hanno spirito.

Si può uscire da questo sistema?
Sì, certo, coltivate il vostro piacere, anche se peccaminoso. Questo vi salverà dalla malattia.

Cos’è questo piacere?
L’amore è stato disgiunto dal piacere, questo è l’errore. Non si può amare quello che non ci piace.
Se amiamo tutto quello che ci piace, dal lavoro all’amico alla mamma, siamo tutti salvi.
Praticamente è la divisione che ci fa ammalare.

Quindi c’è un piano di divisione ben mirato che ci viene imposto per colpire le coscienze delle persone?
Si, questa è la semplice verità. Se c’è qualcosa di complicato e incomprensibile non deve preoccuparci. La verità è semplice.

Bene Gabriella, sei stata chiara… quindi dobbiamo cercare il piacere a 360 gradi, non solo sessuale ma in tutto ciò che facciamo, nelle cose più semplici.
Sì, il piacere non si trova nelle complicazioni, ma nelle cose semplici.


Alcuni casi a-clinici

Della serie: “Ecco, finalmente l’ho detto!”oppure “Ecco, finalmente l’ho fatto!”
Alla base di questo metodo, si trova un’indagine rigorosa quanto immediata – l’immediatezza della sperimentazione – sulla radice del malessere fisico. Se spiegata linearmente e con logica la cosa non potrebbe funzionare. Ciò che funziona è l’effetto “cortocircuito” (effetto choc) che per un momento fa cadere tutte le razionalizzazioni sulle nostre “importantissime” malattie.

Uno dei casi recenti, raccontato da Gabriella:
“Si presenta una paziente con dei calcoli salivari. Non so niente del suo lavoro.
Appena mi espone il problema sbotto dicendo: “Signora mia, ma lei quanti calcoli fa durante il giorno?”. Lei pronta risponde: “Tanti davvero, lavoro come ragioniera in un poliambulatorio!”
In quel preciso istante ride, sente un gran calore sul viso e nel giro di una settimana i calcoli, sciogliendosi, vengono espulsi”.

Un’altra paziente racconta di essere guarita grazie alla lettura del libro stesso. La consapevolezza dell’origine del suo disturbo – un inizio di sclerosi a placche – è stata sollecitata dagli esempi citati nella piccola pubblicazione.
La paziente deve rinunciare al suo amore per l’attività fisica (amante dello sport e appassionata escursionista). Soffre infatti di tremore con conseguente indebolimento delle fasce muscolari, sta rischiando seriamente la paralisi alle gambe. Inoltre essendo figlia di genitori separati ha fatto voto di non separarsi mai.
Spazientita dall’allopatia conosce altre terapie alternative, tra cui l’opportunità di meditare (osservazione del respiro) sotto una piramide. E’ durante uno di questi momenti introspettivi che si trova, improvvisamente, a sostenere un monologo interiore: “ Perché tremi?” “Perché ho paura”. “Di che?”. “Ho paura di perdere il contatto con la terra…”. “Paura di che cosa?” “Di allontanarmi (vedi separarmi) da mio marito”.
Ecco, l’ho detto! L’innominabile!

Di seguito si separa dal marito, riacquista tutta la forza muscolare e, ovviamente, decide di conoscere più da vicino la D.ssa Mereu.

In certi casi si tratta di: Ecco, l’ho fatto! Ciò che mai e poi mai andrebbe fatto! Come nel caso di: prendere un preservativo, metterci dentro una medaglietta della Madonna, inserire il tutto in vagina e andare a fare la comunione senza confessarsi. Al ritorno, seppellire “il reperto” in un vaso di fiori.
In questo modo Gabriella sostiene di aver guarito molti casi di cisti ovariche, fibromi e svariati disturbi a carico del sistema riproduttivo femminile. “E non si dica che ci si astenga dal dovere di riprodurre per godere! Guardate in quanti modi siamo in grado di moltiplicare la vita (oltre a quelli già citati: polipi, aderenze, tumori…)!” Ammicca Gabriella Mereu.

da www.scienzaeconoscenza.it/articolo.php?id=21571

Articoli collegati



Gabriella Mereu

La Terapia Verbale – DVD

Le nostre parole spiegano le nostre malattie

Anteprima video

Macro Edizioni

La dottoressa Mereu, ormai famosa in tutta Italia per la sua ricerca, presenta la sua tecnica d’interpretazione del sintomo: “la terapia verbale”. I suoi studi dimostrano come il malato stesso parlando dei propri disturbi rivela sotto forma di metafora il conflitto che l’ha portato alla malattia.

La mimica, le espressioni figurate, i modi di dire, la grafia, sono indicazioni preziose per svelare i propri sintomi. Imparando a decodificare le metafore, il paziente può risalire all’origine dei blocchi mentali e quindi arrivare alla guarigione.

Questo video fornisce gli strumenti di consapevolezza per essere più vigili e attenti agli indizi che il corpo ci offre. A tutti coloro che sono stanchi di soffrire, a tutte le persone sensibili che stanno cercando la strada della loro evoluzione che conduce anche alla salute e al piacere.

Lo trovi su Macrolibrarsi



Gabriella Mereu

La Malattia: la Trappola dell’Eros

Il frasario Mereu. Una terapia erotica

Gabriella Mereu

“Chi perde il contatto con l’eros che è l’amore, il piacere, l’unione, la libertà, perde la capacità di sentire l’altro, perde il senso di tutto ciò che fa, rimane un bambino che baratta la sua passione, che è il suo motore, in cambio della considerazione e della protezione del gregge, cadendo così sotto il potere dell’ Ipnotizzatore…. nella sua pazzia è portato ad ammalarsi”.

Lo trovi su Macrolibrarsi



Gabriella Mereu

La Terapia Verbale – La Medicina della Consapevolezza

Gabriella Mereu
La mimica, le espressioni figurate, i modi di dire, la grafia sono tutte indicazioni da cui si possono trarre utili indicazioni per individuare i blocchi mentali ed emozionali all’origine di numerosi disturbi come ad esempio un mal di testa che ci costringe a chiudere un occhio… per non vedere la moglie civettuola.

Prefazione del libro “La Medicina della Consapevolezza” di Gabriella Mereu

Un giorno, durante una visita omeopatica ad un paziente che non riuscivo a curare dalla sua allergia, mi venne un’idea: pensai, se l’omeopatia non è un rimedio ma un principio, io allora questo principio potrei usarlo anche solo verbalmente.

Cioè, se come ho tante volte constatato durante la mia esperienza di medico omeopata, la malattia è sempre, o quasi, di origine psicosomatica, io potrei applicare la legge dei simili (curare il male con lo stesso male), che è alla base della medicina omeopatica, non con un preparato omeopatico, ma con le parole.

Avevo altresì imparato che la malattia è un’espressione che non fa altro che rivelare in maniera metaforica un vissuto emozionale, che ha portato alla malattia stessa.
A questo punto pensai che avrei potuto fare omeopatia verbale se, sciogliendo la metafora, avessi detto al paziente quale era il male morale che lo aveva portato alla malattia.

Per poter sciogliere la metafora bisogna avere doti e conoscenze analogiche. Io ho la fortuna di averle, perché, essendo grafologa, da diciassette anni riesco a ricavare il carattere di una persona leggendone e interpretandone la scrittura. La grafologia è, infatti, una scienza che si applica su basi analogiche.
Quel primo paziente di cui ho appena parlato e che aveva una strana allergia alle arance lo curai, infatti, sciogliendo una metafora. Da allora (è successo nel 1996) curo quasi solamente così dolori di tutti i tipi: vertigini, parestesie, emorragie, diarree, verruche e altre eruzioni cutanee, rivelando il significato della malattia-espressione-metafora.

Questa espressione-metafora me la rivela lo stesso paziente con un suo linguaggio che, come ogni lingua, ha la caratteristica di un parlare collettivo in cui ogni parola ha un preciso significato, simile per tutti gli individui che l’adoperano.
Ma il suo significato è celato dietro un’analogia: quest’ultima manifesta un’espressione emozionale. Vi anticipo un esempio: il paziente esprime spesso verbalmente la parola “appoggiare”: questa parola manifesta l’esigenza non soddisfatta di avere un appoggio affettivo del prossimo. Questa espressione la ritrovo verbalmente nel dolore alla nuca, quando la persona “non può più appoggiare la testa sul cuscino” oppure, fisicamente, nelle eruzioni cutanee, come per esempio la psoriasi, che si manifesta preferibilmente nei punti d’appoggio: ginocchia, gomiti, nuca, natiche, talloni. -

Il linguaggio metaforico del paziente è bellissimo e commovente e io l’ho denominato “pazientese”. Più ne raffino la conoscenza, più aumentano le mie capacità terapeutiche attraverso esso.

Lo trovi su Macrolibrarsi

Comments (2)
ott
07

Felicità

Posted by: | Comments (1)

Felicità

Una condizione dell’essere

La felicità è uno stato d’animo, una condizione dell’essere. Quindi esistenza e felicità dovrebbero essere addirittura sinonimi.

Allora perché la maggior parte delle persone afferma di non esserlo? Cos’è che ci impedisce di sentirci felici? Paure, insicurezze, pensieri inquietanti sembrano mettere la felicità fuori dalla nostra portata. Ma non è così: la felicità dipende solo dai nostri procedimenti mentali, ovvero dall’uso che facciamo del nostro cervello.

Perché è lì e non nel mondo esterno che si gioca la partita tra felicità e infelicità.

Il cervello è uno strumento che possiamo utilizzare bene o che può ritorcersi contro di noi, partorire grandi cose ma anche produrre solo scarti. Gli scarti della mente cui finiamo per attaccarci, ritrovandoci puntualmente infelici.

Quando il nostro cervello non produce solo scarti, nessun ostacolo si frappone fra il pensiero unico e le sue realizzazioni, e le cose si concretizzano una dopo l’altra molto facilmente. Le realizziamo, le viviamo e andiamo oltre, liberando la mente da ogni ricordo, dubbio o attaccamento.

Solo così il cervello rimane sgombro, lucido, pronto a formulare nuovi progetti senza rimpianti e ad abbandonare ciò che ha già realizzato, evitando di continuare a girare in tondo avvitandosi su se stesso. Questa è la strada dove nasce la felicità.

Quando un monaco buddista costruisce un complesso mandala con la sabbia colorata, ci lavora per giorni con precisione e impegno, dedicandogli tutta la sua attenzione. Poi, quando l’ha terminato, senza alcuna esitazione lo distrugge soffiandoci sopra.

L’ha creato, era perfetto, se ne è liberato.

Per chi lo osserva dall’esterno questa operazione appare incomprensibile: era bellissimo, ha impiegato un sacco di tempo a realizzarlo perché non lo conserva? Perché è passato.

Se lo conservasse, finirebbe con l’ingombrargli la mente: comincerebbe a paragonare tra loro i vari disegni per scoprire sviluppare un mandala ideale, il più perfetto mai realizzato… aprendo le porte all’ansia e all’insoddisfazione.

Ognuno di noi dice: Sarò felice quando… quando avrò la macchina nuova, la casa più bella, la compagna o l’amante ideale, quando incontrerò quale gli è venuto meglio, a pchi mi capirà. E ancora, quando avrò più soldi, quando piacerò di più ai miei amici, quando sarò dimagrito, quando, quando…”.

Possiamo chiamare questo processo “distruzione della gli attaccamenti” o “stare nel presente”… ciò che conta è arrivare a una norma di vita quotidiana. Solo un cervello che opera in questo modo sarà in grado di renderci perfettamente felici, perché realizza ciò che abbiamo pensato e poi se ne libera per lasciare posto a un altro pensiero, senza produrre ristagni di scorie.

L’infelicità è data dalla mente che si perde nei meandri dell’inutile e gira a vuoto su se stessa come un motore lasciato in folle.

Noi siamo infelici perché non vogliamo accettare che la maggior parte delle cose che facciamo è già passata, come se fosse morta.

E anziché lasciarla andare per far spazio a qualcosa di nuovo facciamo di tutto per trattenerla, innescando una pericolosa spirale che ha come unico risultato quello di potenziare gli effetti dell’infelicità. Il pensiero infatti blocca l’azione.

Supponiamo che una persona sia convinta che per sen­tirsi più realizzata dovrebbe cambiare lavoro. Il cervello sa sempre come valorizzare la nostra creativi­tà, basterebbe seguire il suo suggerimento.

Ma poi entra in gioco la mente «Prima però devo pon­derare bene se ne vale la pena»

che intrappola il pro­getto nella sua rete di razionalizzazioni… «Chi mi ga­rantisce che dopo non sarà ancora peggio?». Inevitabilmente le razionalizzazioni innescano il dubbio «Se fallisco diventerò ridicolo» – che ci fa diventare insicuri, rendendoci schiavi del giudizio altrui. A questo punto scattano i falsi obiettivi: «Cambierò lavoro solo quando ne avrò uno superiore alla mia posizione attuale».

Prigioniera di un obiettivo, quella che doveva essere una nuova possibilità di autorealizzazione viene messa in attesa di soddisfazione… «Ripensandoci chi me lo fa fare, dopo tutto come dice il proverbio “chi lascia la strada vecchia per la nuova”… in fondo non sto così male». L’attesa ha reso l’idea ammuffita e l’idea creativa scaturita dal cer¬vello è stata abbandonata.

Dovremmo ricordarci che l’atmosfera desolata è qualcosa che creiamo noi continuamente, chiudendoci nei luoghi comuni, nelle trovato aspettative inutili, nella ricerca di ciò che non ci appartiene Stiamo male perché lottiamo con tutte le nostre forze contro ciò che siamo nel più intimo, contro le risorse che possediamo e che sono lì per farsi scoprire, per essere portate alla luce. Il cervello è stato creato per trasformare immediata­mente ogni impulso in una creazione, nella nascita di qualcosa di nuovo.

Dubbi, incertezze, ambizioni, falsi bisogni, le certezze a cui ci attacchiamo non sono altro che la morte del cervello, scarti che devono essere eliminati perché ostacolano la creatività e impediscono la trasformazione immediata delle idee in azioni, provocando infelicità.

Siamo così legati alle scorie del cervello e facciamo di tutto per tenercele in testa, senza renderci conto che stiamo accuratamente conservando immondizia.

Ridi per essere felice

La saggezza popolare l’ha sempre saputo: ridere fa bene, anzi fa benissimo perché, come dice il proverbio, «Il riso fa buon sangue». Per il buddismo Zen poi, quindici minuti di risate equivalgono a sei ore di meditazione. Del resto la capacità di ridere appartiene solo all’uomo, proprio come la coscienza.

Nessun altro essere vivente le possiede, il che dovrebbe indurci a riflettere sulle relazioni tra queste due facoltà. Il fatto è che l’effetto comico nasce da un’incongruenza, da uno scarto rispetto alla consuetudine, alla normalità, al prevedibile. La risata che ne deriva nasce quindi da una “frattura” del pensiero lineare, il pensiero dell’Io, che improvvisamente perde consistenza davanti all’irruzione di un elemento imprevisto.

In altre parole, la risata cambia i piani di riferimento della realtà, facendoci vedere le cose da una prospettiva diversa. Questo allarga la nostra coscienza, cambia l’atteggiamento mentale. La consueta mappa mentale che attraverso la routine della vita, i traumi e i dispiaceri si era formata in noi, viene dissolta dal comico; attraverso la risata, cambia colore, dimensione, suono.

Dopo Patch Adams, la terapia del riso si è diffusa un po’ ovunque nel mondo, come al “St. Joseph HospitaV di Houston, dove le suore raccontano barzellette ai pazienti o al “Marcus Mc Causland” in Sud Africa, dove viene proposta la comicoterapia con nastri video, audio, libri e spettacoli.

Perciò se vi sentite tristi oppure infelici, invece di prendere una pillola provate a ridere di gusto… vi sentirete più leggeri e, insieme al torace, anche la vostra visione del mondo si allargherà.

Alcuni scienziati poi hanno scoperto che i muscoli messi in gioco per assumere un’espressione triste o corrucciata, sono molto più numerosi di quelli necessari per farsi una bella risata. Per sua natura quindi, l’uomo sarebbe più portato a ridere che a essere crucciato.

Tutti noi, infatti, nasciamo con una naturale tendenza all’allegria, al gioco e alla felicità: basta guardare un bambino piccolo per convincersene – tutto lo diverte, tutto lo fa ridere e osservandolo siamo irresistibilmente spinti a sorridere con lui.

Tuttavia, più diventiamo adulti, più questa naturale inclinazione si offusca, per essere sostituita dall’ansia, dalla depressione e dalla paura… fino a rinchiuderci in una gabbia di infelicità.

Eppure basterebbe fare appello alla nostra capacità unica di ridere per romperne le sbarre… e la saggia intuizione dei proverbi sul riso ha ormai trovato ampie conferme scientifiche. iniziativa a fornire risultati.

Il primo a sperimentare le qualità curative del ridere, sul piano fisico come su quello psicologico, è stato Hun ter Adams, un medico americano divenuto famoso con il nome di “Patch” Adams, considerato l’inventore della comicoterapia.

Patch decise di diventare medico quando, ancora adolescente, venne ricoverato in un istituto per malattie mentali perché soffriva di crisi depressive, ma frequentando l’università si rese conto ben presto che gli studenti erano sistematicamente incoraggiati a mantenersi distaccati dai propri pazienti, a concentrarsi solo sulla loro malattia.

Dopo la laurea fondò quindi una clinica privata, il “Cesundheit Institute”, in cui mise in pratica un metodo rivoluzionario di approccio al malato: «Ho sempre pensato che fosse strano e triste il fatto che le persone non abbiano alcun problema a comportarsi in modo rabbioso o burbero, ma che siano imbarazzate dal dover mo strare sentimenti positivi… sappiamo tutti quanto sia importante l’amore, eppure, con quale frequenza viene provato o manifestato veramente? 1 mali che affliggono la maggior parte dei malati, come la sofferenza, la noia e la paura, non possono essere curati con una pillola».

Così scrive Patch in un suo libro, illustrando i motivi delle sue strane prescrizioni umoristiche, dei travestimenti da clown o da gorilla, delle stanze piene di palloncini o di una vasca da bagno colma di tagliatelle: tutto per strappare un sorriso, per instaurare un contatto emotivo con un paziente e rompere il suo schema mentale di “malato” facendolo scoppiare in una risata.

All’inizio la sua clinica poco ortodossa suscitò una certa resistenza nell’opinione pubblica, ma col tempo sia i media che gli ambienti medici hanno cominciato a prestargli una grande attenzione e le ricerche nate dalla sua

Di recente, per esempio, una ricerca scientifica presentata all’ “American College of Cardiology” di Orlando, in Florida, ha confermato che ridere fa bene al cuore. Anzi, la risata è un vero e proprio farmaco: una somministrazione di quindici minuti al giorno migliora la circolazione del sangue e previene le malattie cardiovascolari. E senza alcun effetto collaterale!

Inoltre una risata ristruttura l’intero organismo: oltre all’effetto rilassante generale, allarga il torace e il respiro, facilita la digestione e ha anche un importante effetto antidolorifico.

In più, ridere stimola il sistema neuroendocrino a rilasciare beta-endorfine, neurotrasmettitori che innalzano il tono del sistema immunitario.

È ormai accertato, infatti, che molti problemi di salute sono collegati allo stress, alle emozioni negative, alla depressione, alla paura.

La felicità è lì, nell’Essere, senza il ricordo di avvenimenti e immagini del passato che il filtro della memoria ha deformato.

Solo così puoi essere davvero spensierato.

Il segreto della felicità sta in piccole cose: nell’imparare a vivere l’istante, nell’essere aperti alla vita, indipendenti dagli altri ecc. La felicità si presenta soprattutto nell’azione, quando non lasciamo posto ai pensieri, alle rimuginazioni.

Vediamo qui di seguito alcuni semplici atteggiamenti che ci aiuteranno a essere più felici.

  • Agisci rapidamente

È importante tradurre ogni idea in azione, per impedire che il pensiero si ripieghi su se stesso e si fossilizzi.

  • Scelte aperte

Lascia che in te coesistano sempre due stati opposti.

Se non ti imponi una scelta a tutti costi, scoprirai che possono accaderti cose non previste, presentarsi possibilità che non conoscevi.

  • Rinasci ogni giorno

Ogni mattina, quando ti svegli, prova a pensare che sei rinato bambino.

Come capita spesso alle donne che, dopo aver tentato inutilmente per anni di avere un figlio, rimangono incinte quando smettono di pensarci…

  • Risolvere un problema a tutti i costi

Quando ti accorgi che stai forzando fermati. La soluzione del problema potrebbe stare dietro un’altra porta.

  • Giudicare

Non dire questo è giusto, questo è sbagliato… Limitati a guardare la realtà come se fosse un film a cui assistiti. Accogli il dolore ma non giudicarti.

  • Rimuginare sul passato

Rimuginare continuamente su rimpianti e rancori intasa il cervello e ci priva della possibilità di desiderare qualcosa di nuovo, di vivere il presente e di essere felici. Se ci fissiamo al passato e alla nostra storia non riusciamo ad andare oltre. Ma il passato non esiste più, la storia appartiene a un tempo su cui non abbiamo più alcun potere.

(Tratto da il Dizionario della felicità – RIZA – Raffaele Morelli)

Vuoi scrivere sul Blog de ilfilodimaggy.it?

  • scrivere

    Vuoi pubblicare il tuo articolo su questo blog e farti conoscere?

  • Per scoprire come fare leggi qui:

    Pubblica il tuo Articolo

Comments (0)