Archive for scuola

ago
27

Settembre: Ripresa rapida

Posted by: | Comments (0)

Semplici Regole per ritrovare il passo

Settembre è un mese di transizione, in cui gradualmente si passa dal calore dell’estate al clima più mite che annuncia l’autunno. Nei nostri ritmi di vita però questa gradualità è andata perduta e subito dopo il rientro dalle vacanze, pronti…. via!

Si riparte: scuola, lavoro e vita familiare riprendono il ritmo di sempre, con uno scatto bruciante. Il cambio repentino di stile di vita può debilitare il nostro equilibrio psicofisico causando un “forte “stress da cambio di stagione”.

Per fortuna esistono atteggiamenti mentali che possono metterci al riparo da tutto questo: seguire la scia giusta significa ripartire nel modo migliore e affrontare gli impegni con più leggerezza, evitando eccessi e stanchezza.

Gli atteggiamenti che ti aiutano a mandar via la stanchezza da rientro e a star bene con te stesso e con gli altri

  • SE SEI GIA’ SFINITO: Spazio ai lati nascosti e tutto è più leggero. 
Si torna al lavoro dopo la pausa estiva e può accadere di provare fastidio per le incombenze e i doveri che i nostro ruolo comportano. Se fai finta di niente, tieni duro, cercando in ogni modo di essere forte, non farai altro che potenziare i disagi. Le emozioni che reprimi, prima o poi, trovano un canale attraverso il quale manifestarsi.
Per questo, ogni tanto, quando ti senti stressato o sovrastato dagli eventi, puoi provare a fare questo esercizio che ti aiuta ad accogliere i sentimenti che ti abitano.
ESERCIZIO: Socchiudi gli occhi e chiama una ad una, proprio come se stessi facendo l’appello in una classe, le tue emozioni: la gioia, la rabbia, la fatica, la tristezza, l’ansia…. e falle sedere intorno a tè, come fossero tuoi figli. In questo modo non ci sarà più bisogno di allontanare i turbamenti, ma potrai portarli con te, come un tesoro. Questo atteggiamento mentale evita che e emozioni accantonate possano esprimersi con un disagio o un problema psicosomatico.
  • NON SPRECARE LE ENERGIE: Cerca il tuo stile, fai meno fatica ed eviti la noia sul nascere. 
Le ripetizioni, i comportamenti sempre uguali, tendono a spegnere l’energia, specie quando li copi, spesso inconsapevolmente, da chi ti sta intorno. Accade ad esempio quando capita di scimmiottare in tutto e per tutto l’atteggiamento del collega più brillante o quando si accetta la filosofia di vita del partner senza esprimere mai un punto di vista di originale… Così si mortifica la propria natura più profonda, che ci vorrebbe in qualche modo sempre diversi da tutti gli altri, originali appunto. Lo scrittore francese Paul Valery scriveva: “Occorre distinguersi dagli altri a tutti costi per non sentire anche se stessi come un inutile ripetizione”. A settembre, dopo le vacanze estive, puoi affrontare il quotidiano in modo diverso rispetto ai mesi precedenti, a “modo tuo”: nei ragionamenti, negli atteggiamenti, nel carattere, nelle passioni, nel modo di vestire, nell’espressione del viso e nella scelta del profumo, SEI UNICO!….. e non dovresti mai dimenticarlo.
  • COME PRENDERE LE DECISIONI: Problemi inediti? Non ragionarci troppo, osserva e …. aspetta
A volte, il troppo ragionare, invece di favorirlo, inceppa l’ingranaggio cerebrale, rallentando e privandolo dell’energia necessaria. Per esempio se ti trovi di fronte a un’indecisione o a un ostacolo che non riesci ad aggirare, le continue “ruminazioni” mentali sono del tutto inutili. Osserva bene la situazione nei particolari senza dare nessuna spiegazione, guarda con attenzione ciò che ti sta succedendo e lascia al tuo intuito il tempo di “partorire” una soluzione. Lo “sguardo” e “l’attesa” sono gli strumenti  più potenti che possiedi; il pensiero spesso complica soltanto le cose.
Perchè funziona: “Quanto meno uno pensa, – scrive Arthur Schopenhauer – tanto più egli ha gli occhi ovunque: in lui il vedere deve prendere il posto del pensare”.
Prova ad iniziare settembre seguendo il consiglio del filosofo tedesco, lo sguardo privo di pregiudizi e idee preconcette dovrebbe prendere il posto dei ragionamenti. Quando “guardi e basta”, dai la possibilità al cervello, ai miliardi di cellule neuronali, di collegarsi tra loro in modi nuovi e così di risolvere spontaneamente i pr0blemi della vita quotidiana.
Raffaele Morelli
Vuoi riprendere la “solita vita”? Allo stesso modo? Ecco la stanchezza.
Volgi lo sguardo al NUOVO, all’INSOLITO come nutrimenti dell’anima, ritrovali dentro di te e la tua stagione cambierà….

_________________________________________________________

Una proposta per l’autunno

Affrettati!!! – Il gruppo è a numero chiuso. 

L’evento avrà seguito con un numero minimo di 15 persone

Info e prenotazioni: telefono 340.7969041  (Sonia dopo le  14.30)                                                                    e-mail: maggy@ilfilodimaggy.it tutti i dettagli qui

mag
25

Laboratorio “Amici in Vacanza”

Posted by: | Comments (0)

La scuola sta per finire:

Quando e Dove incontro gli Amici?

Al Laboratorio Ricreativo ed Educativo per Ragazzi 6-10 anni

L’Associazione Culturale CoCreationProEvulution ti invita al

Laboratorio

Patrocinato dal Comune di  Massanzago PD

Lavorare con i bambini ci dà l’opportunità di imparare moltissimo. Il nostro ruolo di trainer in educazione ci permette di instaurare con loro un rapporto molto particolare e di conoscerli in profondità come poche altre persone possono fare.

Grazie al delicato e dolce approccio nei loro confronti, possiamo far emergere i loro pensieri, aiutarli a riconoscere i propri sentimenti e i propri talenti come i propri limiti. Tra i nostri obiettivi c’è la sensibilizzazione ai valori personali, unici ed irripetibili più profondi, spesso ignorati o dimenticati, come riconoscere ed ascoltare il proprio dialogo interno, i propri stati d’animo; come visualizzare e vivere, attraverso fiabe e racconti, momenti di profondo benessere ed armonia assieme ai propri coetanei.

In oltre cinque anni di lavoro personale e di collaborazioni ho fatto tesoro della condivisione di molteplici esperienze fra genitori e professionisti che potrei redigere un libro intero (e non è detto che non lo faccia) con l’emergere di strategie ed esempi pratici efficaci per noi genitori, insegnanti ed educatori.

La cosa straordinaria è che, se da una parte è vero che ogni storia è a sé, dall’altra mi sono accorta che le dinamiche familiari hanno una serie di “cose in comune” tra di loro di cui i bambini possono giovare o subire.

Ora ti chiedo, ma se queste caratteristiche potessero raggiungere la tua consapevolezza potresti trarne beneficio.

Ti piacerebbe capire come fanno i bambini ad essere felici per poi fare altrettanto tu?

Vorresti che tuo figlio sperimentasse momenti di rilassamento, gioco e condivisione nel rispetto per il proprio valore e di quello altrui?

Se la risposta è quella che immagino leggi attentamente quanto segue.

Ho deciso di mettere a disposizione del tuo bambino i miei studi, le mie ricerche ed esperienze sul campo dell’educazione in un Laboratorio di incontri pomeridiani, ricreativo ed educativo per ragazzi 6-10 anni della durata di 4 settimane in cui il tuo ragazzo potrà arricchirsi e portarsi a casa leggerezza e profondità, fantasia e praticità, condivisione ed ascolto; insomma un bagaglio di esperienze positive e profonde.

Ti invito ad iscrivere il tuo bambino al Laboratorio “Amici in Vacanza”

Saranno pomeriggi in cui tuo figlio scoprirà:

Come liberare ed esprimere i propri pensieri e stati d’animo
Come integrarsi in modo corretto ed empatico con i propri coetanei
Come rispettare se stesso, gli altri e l’ambiente
Come poter apprezzare le regole
Come ascoltare e riconoscere i propri sentimenti
Come aver fiducia in se stessi e nel prossimo
E tanto altro ancora…

… ma soprattutto…

… Tu genitore sperimenterai l’effetto che ha sull’intero gruppo familiare la serenità di tuo figlio.

Sì esatto, proprio così. I nostri figli diventano i nostri migliori Allenatori portando energia e positività alle nostre risorse al fine di dare il meglio di noi stessi condividendo esperienze e metodi educativi efficaci.

Il mio impegno nel creare questo Laboratorio è stato di raccogliere tutte le conoscenze acquisite in oltre 5 anni di studi, ricerche e condivisioni di esperienze con professionisti nel campo dell’educazione e la famiglia, ed adattarle alla pratica di vita di tutti i giorni con i nostri “unici” ragazzi.

Da mesi assisto alle “conquiste” di mio figlio, quattordicenne, dislessico.

In lui osservo la determinazione con cui si aggiudica le sue piccole-grandi vittorie, che sono evidenti agli occhi di tutti ma che vengono da un percorso di maturazione, di conoscenza del proprio valore come dei propri limiti; un percorso di cambiamento di cui praticamente pochi adulti volevano riconoscergli in precedenza. Già, proprio così, perché quando noi ammiriamo i risultati mentre si manifestano al loro meglio, non pensiamo a quanto impegno e allenamento si sono dovuti sottoporre per arrivare a raggiungerli. E’ molto importante invece riconoscere e premiare il loro impegno e le energie spese per raggiungere il superamento di difficoltà o il miglioramento di alcuni aspetti della propria crescita evolutiva.

Beh a me è data la possibilità di osservare il dietro le quinte degli atteggiamenti dei nostri ragazzi e di essere parte attiva del lavoro di crescita emozionale che consente loro di acquisire un miglior autocontrollo dei propri comportamenti in gruppo.

 

Ti dirò di più, Tra le varie attività tuo figlio potrà:

Dipingere alcune parti del proprio corpo con il bodypainting (colori lavabili e atossici)
Dipingere su carta e cartone con colori a dita (lavabili e atossici)
Ascoltare fantastiche storie Zen per bambini
Apprezzare momenti di silenzio alternati a momenti di movimento e divertimento
Esprimere attraverso il dialogo o il disegno i suoi pensieri e stati d’animo
Affrontare temi importanti come: la gratitudine, l’amore ed il rispetto per gli amici animali e per il ns pianeta
Manipolare acqua e farina; Lasciar andare le tensioni colorando Maschere e Mandala; 

Olodanzare nella Fiaba; Condividere il momento della merenda………..E tanto altro ancora…

E’ arrivato il momento di decidere, che ne dici?

Vuoi davvero sentirti tranquillo di far entrare tuo figlio in un gruppo di amici in sana crescita affinchè si portino a casa tanta gioia, serenità ed amicizia?

Bene, allora inizia con il segnare le date in agenda:  

da Lunedì 20 giugno a giovedì 14 luglio.

Organizza i tuoi spostamenti perché il Laboratorio si tiene a Zeminiana di Massanzago PD presso la sede dell’Associazione Culturale “CoCreationProEvolution”. (Via Della Pieve 5 – Zeminiana di Massanzago, Padova – 049.5720374)
Scegli il giusto connubio tra disponibilità, sicurezza, risorse e benessere per tuo figlio, iscrivilo ora al Laboratorio “Amici in Vacanza”.

ORARI

Ogni Lun. Mar. Merc. Gio.

dal 20 Giugno al 14 Luglio 2011 

Dalle 14.30 alle 18.00

Clicca sul bottone qui sotto ed invia una mail

con oggetto ISCRIZIONE AMICI IN VACANZA

oppure chiama allo 340.7969041 o allo 049.5720374

Investi sul benessere e la crescita di tuo figlio.

Ah, tra l’altro, non ti ho detto quanto costa.

€ 15,00 quota di iscrizione a copertura Assicurazione

€ 20,00 una settimana

€ 7,00 pomeridiano sporadico

 

Ho deciso di rendere questo Laboratorio accessibile a tutti per quanto riguarda i costi ma limitato ad un numero massimo di 10 bambini per poter lavorare a fondo con loro ed in estrema serenità.

Se effettui l’iscrizione per due settimane la quota di partecipazione: solo € 36,00 anziché € 40,00

Se effettui l’iscrizione per tre settimane la quota di partecipazione: solo € 53,00 anziché € 60,00

Se effettui l’iscrizione per quattro settimane la quota di partecipazione è: solo € 69,00 anziché € 80,00

E non è finita, ho intenzione di offrire ai fratellini questa opportunità, pertanto..

Se iscrivi anche il secondo figlio,

la quota di partecipazione totale è:

€ 34,00(.. anziché 40,00 a settimana!)

Affrettati però, perché come ripeto, il Laboratorio è riservato ad un massimo di 10 bambini, che aspetti?

Invia una mail a co.pro@ilfilodimaggy.it

con oggetto ISCRIZIONE AMICI IN VACANZA

oppure chiama allo 340.7969041 o allo 049.5720374

Massanzago – Padova dal 20 giugno al 14 luglio 

 

 

presso Sede SCUOLA ELEMENTARE di Zeminiana di Massanzago PD

Ti aspetto al Laboratorio..!

Sonia Guerra

Presidente

Formazione Esperta in Educazione di Ambito Familiare e Conduttrice Olo-bimbi (da olos: “il tutto, l’intero” nel senso di ogni aspetto dell’evoluzione personale del nostro bimbo)

Associazione Culturale in Massanzago PD

Via della Pieve 5 – Tel +39 049 5720374 Mobile +39 340 7969041

email: co.pro@ilfilodimaggy.it | web: http://www.ilfilodimaggy.it

 

Richiedi all’Associazione informazioni sul nuovo “Progetto Olo-Bimbi” (Movimento Giocoso Educativo) che avrà inizio, presso varie sedi, con il nuovo anno scolastico.

apr
13

L’Uomo del Futuro

Posted by: | Comments (0)


“BAMBINI NUOVI PER L’UOMO DEL FUTURO”


Conferenza presso Centro Multidisciplinare

Ass.ne Ponte di Luce  di Venezia –

Via Pugliese,20 – Loc. Asseggiano- 30174 Chirignago (Ve)


Sabato 16 Aprile 2011

Ore 14,00 – 18,00

PRABHAT EUSEBIO : editore di “Bambini nuovi per l’uomo del futuro”.

Verso una nuova umanità: Come progettare una scuola famiglia, un nuovo approccio alla pedagogia;

“La pedagogia iniziatica per Bambini Genitori Insegnanti”

BRUNO ZANABONI: “EFT per bambini – L’arte di crescere liberi; introduzione alla tecnica e presentazione del libro”

Operatore esperto nelle tecniche di rilascio emozionale e psicologia energetica EFT, è insegnante di EFT I° livello. Da circa tre anni si dedica a divulgare questa tecnica di auto-aiuto per risolvere blocchi e convinzioni limitanti che alterano l’equilibrio energetico della persona. Da quando è diventato padre ha sentito la necessità di rivolgere sempre maggiore attenzione alle problematiche legate al meraviglioso mondo dei bambini ed è per questo che offre un libro per tutti i bambini che potranno imparare a scoprirsi e aiutarsi, da soli o vicendevolmente, e percorrere in serenità il loro cammino.

MARINA LUELE : Educare attraverso le fiabe racconta l’antica saggezza del cuore e dello spirito

“I bambini sono delle creature magiche, capaci di vedere cose che gli adulti non sanno più vedere”, questo è lo spirito profondo di questi libri nati “dallo sguardo profondo di un bambino, dalle parole sussurrate dal vento e dai disegni che danzando ha tracciato sulle pagine, dall’Amore di chi ti vuole dire: Che bello che ci sia anche tu su questo pianeta!”.

Lo scopo dell’autrice è di far conoscere ai bambini i più importanti insegnamenti della cultura orientale, rivisitati con il linguaggio semplice ed immediato della favola e reinseriti in un contesto culturale più vicino alla loro realtà di vita.

L’incontro avrà momenti interattivi dedicati ai bambini.

Entrata Libera, offerta consapevole

Per info e prenotazioni : tel. 339 2023646 – mail: pontedilucevenezia@libero.it - mail:co.pro@ilfilodimaggy.it

PER RAGIONI ORGANIZZATIVE VI PREGHIAMO CONFERMARE LA VOSTRA PRESENZA ENTRO GIOVESI’ 14 APRILE ANCHE CON SMS.

dic
22

Unisciti a noi

Posted by: | Comments (0)

Unisciti a noi.

Costruiamo una scuola per i bimbi

della Guinea Bissau

Projecto de Construção de Unidade Escolar a  Pessaque

REPÚBLICA DA Guiné-bissau

Ogni bambino – in qualsiasi luogo del mondo nasca – ha diritto a un’infanzia felice e ad un’istruzione completa. Noi tutti possiamo fare qualcosa.

Il sostegno all’istruzione, anche per questi bimbi, è un atto di solidarietà concreta che ha un impatto reale sulla vita di ogni bambino. Grazie al contributo di tutti possiamo garantire loro un adeguato ambiente di studio, facilmente raggiungibile da tutte le famiglie che al momento sono costrette a percorrere lunghe distanze per raggiungere la scuola più vicina con un’evidente dispendio di energia e motivazione allo studio.

Tale iniziativa consente una sensibile riduzione dell’analfabetismo garantendo quell’educazione che, come prevista dall’UNESCO, è diritto fondamentale dell’essere umano.

Nel rispetto dell’impegno di tutti i sostenitori

Associazione Culturale 

in collaborazione con il portale  www.ilfilodimaggy.it si impegna a garantire una completa trasparenza sulla gestione delle donazioni.

Aderisci ora

Per maggiori informazioni vedi i dettagli del Progetto

Comments (0)
mag
04

Scuola:relazione docenti – studenti

Posted by: | Comments (0)

Quanti insegnanti si trovano nella condizione di dover gestire alcune situazioni imbarazzanti, difficili, con i propri alunni e quanti genitori si sentono in difficoltà a comunicare con i docenti dei propri figli che esprimono un disagio usando atteggiamenti poco consoni all’ambiente scolastico.
Vi propongo ora il seguente documento che ci offre appunto delle riflessioni sugli atteggiamenti da evitare in situazioni di disagio dei ragazzi, tenendo presente che in ogni caso i ragazzi vogliono esprimere e comunicarci qualcosa, sta a noi insegnanti e genitori ascoltare e cogliere il messaggio andando oltre all’immediata parte esteriore dell’atteggiamento adottato dall’alunno in un determinato frangente.
Una volta compreso il messaggio, si valuta come procedere…..

Sonia Maggy

Riflessioni sulla relazione Docenti – Studenti

Alcuni esempi di relazioni disfunzionali che possono creare delle

barriere nella comunicazione docente-studente”.

SITUAZIONE

Carlo, un ragazzo di 13 anni di seconda media , giunge in classe, un giorno con un paio di occhiali da sole. Seduto in prima fila sfoggia i suoi occhiali da sole, dopo aver deposto quelli da vista. L’insegnante di lettere, arrivato in classe, dopo aver controllato i presenti, invita il ragazzo a mettere via gli occhiali da sole e a riprendere quelli da vista per leggere un testo ad alta voce. Carlo non ha nessuna intenzione di mettere via gli occhiali da sole, così l’insegnante inizia ad irritarsi e ad assumere atteggiamenti impositivi. Insomma inizia una specie di braccio di ferro tra docente ed alunno, in cui nessuno dei due intende smettere, strutturando in questo modo il rapporto persecutore-vittima.

STILE INTOLLERANTE E DESPOSTA

Si determina quando l’insegnante dinanzi ad un allievo che lo sfida o che insiste sul suo comportamento disfunzionale , reagisce immediatamente in modo dispotico e impaziente.

Nel caso riportato potrebbe urlare frasi del tipo, “come ti permetti”, “dove credi di essere”, “maleducato”, “vai dal preside”, “ fuori , vai fuori.” L’insegnante si avvale della critica, del rimprovero, della sospensione. Questo atteggiamento intransigente può presentare dei vantaggi immediati, infatti è facile che l’allievo ceda e metta da parte gli occhiali, mostri rispetto per l’autorità, tuttavia l’insegnante-educatore non può accontentarsi dell’adattamento superficiali e della compiacenza, ciò non incide sull’interiorità del discente ed è di breve durata.

STILE POLEMICO E LITIGIOSO

In questo caso l’insegnante potrebbe attaccare l’allievo e deriderlo agli occhi dei compagni.
“Togli quegli occhiali così lasci vedere la tua bella faccia”.
Questo atteggiamento è rischioso in quanto può innescare dinamiche distruttive.
Allievo: ma professoressa, perché ce l’ha sempre con me.
Insegnante. Perché tu sei bello.
Allievo: professoressa, ma quale bello, io non la toccherei neanche con un bastone lungo 3 mt.
A questo punto l’insegnante sorrise e scrisse una nota sul registro , chiedendo che l’allievo fosse sospeso per 3 giorni.
Il tipo di interazione è semiludica e quasi umoristica. La modalità seguita dal docente è quella dell’ attaccabrighe, che induce l’allievo a rispondere sullo stesso piano e a dimenticare che sta interagendo pur sempre con il suo docente.

STILE TIMOROSO

Un altro possibile atteggiamento dinanzi all’allievo dell’esempio, è quello di chi subisce tollerando pazientemente .Spesso gli alunni la interpretano come un permesso a persistere nel comportamento distruttivo. L’atteggiamento da martire , timido, trasmette l’idea di un docente che lascia correre e che permette agli allievi di abusare della sua pazienza.

STILE CALCOLATORE

E’ lo stile di chi ricorre ad un atteggiamento logico, razionale, preciso , freddo.

Esternamente il docente apparirà impassibile, dimostrerà calma e padronanza di sé, controllerà i suoi sentimenti e non si farà coinvolgere emotivamente, ma cercherà di discutere con l’allievo per farlo ragionare sul suo comportamento.

INTERVENTI COMUNEMENTE IMPIEGATI PER GESTIRE

RELAZIONI CONFLITTUALI

Verranno esaminate alcune strategie comuni adottate in classe per gestire le situazioni educative complesse : ignorare, sopportare in silenzio, critica, predica, rimprovero, punizione , sospensione.

Sebbene non soddisfino gli insegnanti e si rivelino sostanzialmente improduttive, risultano largamente impiegate in classe.

IGNORARE, SOPPORTARE IN SILENZIO

Dinanzi ad una situazione di disagio in classe (es. , risata svalutante, allievo che sbatte la porta in modo provocatorio ecc.), L’insegnante può ignorare quanto sta avvenendo , preoccupandosi di continuare il lavoro, per non “rinforzare” il comportamento problematico. Non è detto che i risultati siano soddisfacenti, infatti Montuschi sottolinea che nel linguaggio educativo ciò che non è esplicitamente vietato rischia di essere autorizzato. A volte il comportamento problematico dell’allievo può essere una richiesta di attenzioni, per cui il fatto di ignorarlo induce l’allievo a persistere .

LA PREDICA

E’ uno degli interventi più usati , dianzi all’allievo che non studia, a quello che disturba. Si tratta di un intervento genitoriale volto a impartire regole e istruzioni. Montuschi mette in guardia dal rischio derivante dall’uso della predica all’intera classe, essa rischia di diventare più uno sfogo dell’educatore che un dialogo diretto a delle persone, in quanto l’anonimato fa sentire al riparo i singoli. La predica , sia che venga rivolta alla classe o al singolo, risulta poco efficace , perché invita ad un adattamento e non ad un cambiamento.

CRITICA E RIMPROVERO

La critica, il rimprovero , il richiamo diretto non sono interventi efficaci, perché si basano sull’addestramento dell’allievo e producono cambiamenti compiacenti provvisori e precari.

C’è poi il rischio che l’allievo organizzi le mosse successive di rivincita. Secondo Montuschi può anche essere che sentimento spiacevole derivante dalla critica provochi nell’alunno un ripensamento , ma può essere solo un modo per evitare la critica piuttosto che cambiare il suo comportamento.

PUNIZIONE

Ancora assai diffusa, anche se non necessariamente sotto forma di punizione fisica. Essendo un intervento volto a cancellare il disturbo, può portare a vantaggi tangibili: riprendere il lavoro interrotto, catturare l’attenzione, ripristinare il silenzio ecc.

Essa non si fonda sulla comprensione della situazione problematica e non interviene sul problema, per cui è un intervento banale, ripetitivo e poco efficace dal punto di vista educativo.

LA SOSPENSIONE

Si ricorre alla sospensione di solito per motivi di condotta, essa non risulta efficace come strategia di intervento, è improduttiva , non risolve il problema e interviene sulla manifestazione esterna del disagio. Oltre che banale, la sospensione ha la valenza di rinuncia a gestire la situazione da parte dell’insegnante e della scuola. Si di un intervento che equivale a gettare la spugna, a fuggire al problema, rinunciando a rispondere ai bisogni di un alunno attraverso interventi particolarmente qualificati.

Da quanto esaminato si comprende come tutti questi interventi siano inutili dal punto di vista educativo e sebbene il problema immediato a volte sembri risolto, il problema reale, sotteso non è nemmeno sfiorato. Si corre il rischio che a lungo andare l’allievo possa sentirsi indirettamene invitato a lasciare la scuola .

Le strategie improduttive prese in esame hanno una caratteristica in comune, si basano sull’aspetto esterno ed evidente del disagio con l’aspettativa che sparisca. di . Il rischio è quello considerare e di trattare la manifestazione del disagio come se fosse il disagio stesso ed intervenire per cancellarlo ed eliminarla. Bisogna studiare i sintomi per formulare una diagnosi , risalendo alle cause soggiacenti. Finchè non si comprenderà e agirà sul meccanismo che alimenta il sintomo esterno, gli interventi del docente potranno solo contenere temporaneamente il disagio. Alcuni disagi peggiorano assai se non vengono gestiti nei tempi e nei modi opportuni.

Xodo Antonella

Riferimenti bibliografici
G. Amenta , Gestire il disagio a scuola , da Scuola e Didattica, La Scuola , Brescia 2002
Montuschi: F. Competenza affettiva e apprendimento . Dalla alfabetizzazione affettiva alla pedagogia speciale, Brescia , La Scuola 1993
Di Pietro M. 1999, l’ABC delle mie emozioni, Trento,EricKson
Berne 1971, Analisi transazionale e psicoterapia , Roma , Astrolabio

Lettura consigliata:

Adesso Basta. Ascoltami!
Educare i ragazzi al rispetto delle regole

Dettagli
Prima che educatori il passo è riconoscersi maestri di vita impegnati a dar supporto alle nuove generazioni. Di fronte alla disobbedienza il punto non è aggirare le regole ma la comprensione del motivo per il quale non si ottiene obbedienza, l’ascolto disinteressato.

* Autore: Francesco Berto
* Editore: Edizioni la Meridiana
* Data pubblicazione: Marzo 2004
* Tipo: Libro
* Pagine: 119
* Formato: 21×25
* Stato: Disponibile in pronta consegna
* Categorie: Comunicazione, Guide per genitori ed educatori, Psicologia e salute, Salute dei bambini